RICHIEDI LIFE@WORK MAGAZINE

La newsletter Eudaimon è riservata ai referenti HR di tutte le aziende grandi, medio-grandi e pmi.

 

i professionisti del welfare aziendale
  • Scarica la nostra brochure
  • Banche: sempre più servizi in favore del welfare aziendale

    Rassegna stampa , 8 gennaio 2018
    Patrizia Capua - A&F / La Repubblica
    SI PARLA DI NOI

    Lo hanno già fatto Intesa, Unicredit e Ubi, ora è il turno del Credem. Il gruppo bancario, in partnership con Eudaimon, dopo aver sperimentato il sistema welfare con il proprio personale, si rivolge alle imprese già clienti e a quelle potenziali.

    Non più soltanto una questione di conto corrente, credito, investimenti. Il rapporto tra banca e cliente si apre al welfare, ovvero un’ampia gamma di servizi alle grandi e piccole e medie imprese, dalla visita medica specialistica all’abbonamento al teatro, dal viaggio scontato ai libri dei figli.

    E così fa anche Credem che, con Eudaimon – società leader in Italia nella consulenza nel welfare aziendale – offre una piattaforma in grado di sviluppare e gestire l’insieme di benefit e prestazioni previste dal legislatore, che l’azienda può erogare per migliorare la qualità della vita e il benessere dei dipendenti e dei loro familiari. Potenzialmente sono interessate ottomila aziende e un milione e centomila persone. La piattaforma, che viaggia su pc, tablet e smartphone, permette alle aziende clienti – dalle grandi alle piccole e medie – di entrare in un portale attraverso cui i dipendenti possano accedere con semplicità a servizi assistenziali, sanitari e previdenziali, assicurativi e bancari, il tempo libero e la cultura, ai rimborsi delle spese sostenute per l’educazione dei figli e la cura della famiglia, all’acquisto di beni e servizi.
    Il percorso positivo del programma “Welfare per noi”, già realizzato all’interno di Credem, ha rafforzato la convinzione di poter estenderne i benefici anche all’esterno del perimetro aziendale, coinvolgendo le aziende clienti. Nel 2014 l’istituto di credito romagnolo ha infatti realizzato investimenti per soddisfare i bisogni dei propri dipendenti, oltre le normali pratiche organizzative gestionali, facendo scuola su questo fronte.

    “Visto l’apprezzamento – spiega Francesco Reggiani, direttore commerciale di Credem -, abbiamo ragionato con il nostro partner nel welfare in house, Eudaimon, per presentarci anche alle aziende clienti e non, con servizi congiunti. Abbiamo una rete di 400 persone per contattare il cliente prospect per offrire i nostri servizi e quelli di Eudaimon, e per dare un’offerta completa ai tanti interlocutori”.

    “Il welfare aziendale – sottolinea Alberto Perfumo, amministratore delegato di Eudaimon – è destinato a diffondersi nelle imprese di ogni dimensione, comprese le pmi, perché garantisce benefici per tutti: lavoratori, imprese, parti sociali e comunità intera. Ho grande fiducia nella collaborazione tra Eudaimon e Credem: combinando le nostre energie con passione e responsabilità, possiamo contribuire all’espansione di questo nuovo modello”.
    Per il Credem, poi, è un modo di fare consulenza evoluta. “Ci interessa – dichiara Reggiani – uscire dalla classica logica del marketing ‘apri un conto corrente punto e basta’, e ci permette di essere un partner di livello oltre la siepe dei servizi classici. Questo fa la differenza tra una banca e un’altra”.


    @repubblica.it
    Leggi l'articolo A&F / La Repubblica

    Condividi: