RICHIEDI LIFE@WORK MAGAZINE

La newsletter Eudaimon è riservata ai referenti HR di tutte le aziende grandi, medio-grandi e pmi.

 

i professionisti del welfare aziendale
  • Scarica la nostra brochure
  • Rapporto Censis-Eudaimon: il welfare aziendale migliora il clima nelle imprese

    Parliamo di Welfare Rassegna stampa , 12 febbraio 2018
    Luigi dell’Olio - A&F / La Repubblica, Rapporto Welfare

    MENO DI UN LAVORATORE SU CINQUE (IL 17,9%) HA UN’INFORMAZIONE PIENA DELLE OPPORTUNITÀ
    PREVISTE DALLA NORMATIVA, IL 58,5% HA SOLO NOTIZIE GENERICHE E BEN IL 23,6% NON SA DI COSA SI TRATTA

    A fare luce sul settore è il primo rapporto targato Censis-Eudaimon sul welfare aziendale, realizzato in collaborazione con Eudaimon (società attiva nel settore) e con il contributo di Credem, Edison e Michelin. Quanto al livello di conoscenza piena dei lavoratori, relativamente alle misure che rientrano in questo ambito, ammonta al 17,9%. Il 58,5% ha una conoscenza generica e il 23,6% non sa di cosa si tratta. Tra coloro che esprimono una padronanza completa dell’argomento, il 58,7% ritiene che misure come polizze sanitarie, ore di permessi per assistere i genitori e sostegno allo studio dei figli offerti dal datore siano addirittura meglio degli aumenti retributivi di pari valore. Mentre il 23,5% è contrario e il 17,8% non ha una opinione in merito. L’apprezzamento è sopra la media tra i dirigenti, i laureati e gli occupati con redditi elevati, mentre è su livelli inferiori tra operai e lavoratori con stipendi bassi.

    Questi, alcuni dei dati evidenziati dal Rapporto. Emerge inoltre che il welfare aziendale è una straordinaria opportunità di innovazione e di crescita ma, allo stesso tempo, presenta dei rischi (di gioventù) che vanno scongiurati. L’opportunità è rappresentata dalla dimensione del fenomeno, che il Censis ha stimato di 21 miliardi di euro l’anno, e dalla facilità con cui le imprese di tutte le dimensioni possono realizzarlo, grazie a una normativa che ne ha ampliato e semplificato l’adozione. Con la legge di stabilità 2016, si è assegnato al welfare aziendale un duplice ruolo:

    • quello di supportare la produttività delle imprese e di promuovere un nuovo terreno di contrattazione coi lavoratori;
    • quello di fornire copertura ai bisogni sociali dei lavoratori stessi, in particolare nelle aree dove sono più acuti questi bisogni: previdenza, assistenza sanitaria e assistenza sociale, come rilevato dalla ricerca Censis-Eudaimon.

    Quello che sta avvenendo in questo transitorio di accelerazione iniziale del fenomeno è un forte sbilanciamento verso il primo compito: sta prevalendo un welfare centrato sulla convenienza economica, fatto di benefit indistinti e di offerte indifferenziate, con la previdenza mischiata alla palestra, l’assistenza alle persone non autosufficienti sullo stesso piano del cinema e dei viaggi, la salute con i buoni benzina. E rischia di soccombere la seconda grande valenza del welfare aziendale, che ne farebbe lo strumento con cui proteggere i lavoratori dai grandi rischi sociali a cui sono esposti, soprattutto sui livelli di inquadramento più bassi.


    Leggi l'articolo / Affari&Finanza-Rapporto Welfare

    Condividi: