RICHIEDI LIFE@WORK MAGAZINE

La newsletter Eudaimon è riservata ai referenti HR di tutte le aziende grandi, medio-grandi e pmi.

 

i professionisti del welfare aziendale
  • Scarica la nostra brochure
  • Società di welfare, si cercano giovani per gestire i piani

    Rassegna stampa , 10 ottobre 2017
    Adriano Lovera - IlSole24Ore / Lavoro&Carriere
    SI PARLA DI NOI

    Tra vantaggi fiscali e nuove esigenze dei lavoratori, se c’è un settore su cui tutti scommettono è quello del welfare aziendale. Dalla previdenza integrativa alle convenzioni con la palestra più vicina all’ufficio, passando per asili nido e buoni acquisto, il mondo dei cosiddetti flexible benefits è in espansione vertiginosa.

    Non è un caso che Generali Italia, leader nel settore dell’assistenza sanitaria integrativa, abbia comunicato ai sindacati l’intenzione di costituire una nuova società di servizi dedita alla gestione e allo sviluppo di nuovi prodotti, assicurativi e non, che gravitano nell’ambito Wealth&Health. Una nuova realtà che dovrebbe portare all’assunzione di 60 nuove figure in un anno, più altre 40 opzionali.

    Alla base del boom del welfare ci sono senz’altro le ultime novità legislative: la legge di Stabilità 2016 aveva potenziato le agevolazioni per le aziende che lo concedono e quella del 2017 ha aumentato da 50 a 80mila euro il tetto massimo di reddito da lavoro dipendente previsto per l’accesso alla tassazione agevolata.

    Ma non è solo questione di convenienza. «In fondo è dal Tuir degli anni 80 che sono in vigore sgravi su questi servizi. Oggi è cambiata la natura del rapporto impresa-dipendente. I datori stanno imparando a leggere i bisogni della forza lavoro, mentre i dipendenti sono sempre più attratti da servizi accessori, persino quando significano meno salario netto in busta paga» ragiona Emmanuele Massagli, presidente della neonata Aiwa (associazione italiana welfare aziendale) di cui fa parte anche Eudaimon – il provider di welfare che da oltre 15 anni accompagna multinazionali – e PMI – in attività di consulenza e implementazione di piani welfare per i lavoratori.

    Le più avanzate, in tema di welfare, sono naturalmente le multinazionali. Ma ormai sul campo ci sono anche le Pmi. Secondo l’ultimo Welfare Index Pmi (Generali-Confindustria) in un anno è raddoppiato il numero di piccole imprese attive su questo fronte, ormai il 18,3% del totale. E se anche le singole imprese non hanno le risorse per muoversi da sole, sfruttano accordi di rete promossi dalle associazione di categoria territoriali, o partnership innovative.

    […]


    @IlSole24Ore.com
    Leggi l'articolo IlSole24Ore / Lavoro&Carriere

    Condividi: